SAN GIOVANNI E LE SUE TRADIZIONI

SAN GIOVANNI E LE SUE TRADIZIONI
16 Gen 2020

Questa mattina in Palazzo d’Arnolfo è stato presentato il cartellone unico delle iniziative che si svolgeranno a San Giovanni Valdarno nei mesi di Gennaio e Febbraio, nate dalla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale, il Museo delle Terre Nuove, la Pro Loco, il Tavolo di Coordinamento Eventi, l’ente Basilica, la Società del Carnevale Sangiovannese e le Associazioni di categoria del territorio.

La rassegna, intitolata San Giovanni Valdarno e le sue tradizioni si aprirà domenica 19 gennaio con La Via delle Spezie e del Tradizionale Stufato alla Sangiovannese (Corso Italia) e il Mercatino delle Idee, la Benedizione degli animali e la Conferenza Assaggi di cucina medievale a cura della Dott.ssa Antonella Campanini, nella quale sarà approfondita l’origine storica, sociale e culturale dello stufato.

A partire dal 26 di Gennaio fino al 23 Febbraio, l’appuntamento domenicale con la celebrazione degli Uffizi: il corteo storico sfilerà per le vie del centro e alle ore 12.30 i cittadini sono invitati al tradizionale pranzo presso i Saloni della Basilica. Per martedì 25 Febbraio, invece, alle ore 15.00 da non perdere la consueta sfilata di Carnevale; e per il giorno successivo, mercoledì 26 febbraio, la storica Festa della Salacca nel Quartiere Oltrarno.

 

«Dopo il Settembre Sangiovannese e Il Natale 2019», ha dichiarato Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno, «siamo riusciti a realizzare un nuovo cartellone unico delle iniziative che si svolgeranno nei mesi di Gennaio e di Febbraio a San Giovanni Valdarno, nate dalla collaborazione tra l’ente comunale e le associazioni da sempre presenti nel territorio sangiovannese e impegnate nella sua valorizzazione. San Giovanni e le sue tradizioni riunisce insieme eventi invernali legati alla nostra tradizione, gli Uffizi, il Carnevale, la Salacca, con al centro il piatto tipico della cucina sangiovannese, di antica origine, lo stufato alla sangiovannese, approfondito nei suoi aspetti storici e culturali, e rispetto al quale abbiamo intenzione di intraprendere un percorso di riconoscimento ufficiale.
Continua l’impegno della Amministrazione Comunale e dell’Assessorato alla Cultura verso la promozione di eventi e momenti culturali di riscoperta delle nostre origini, delle nostre radici, della nostra identità, come terreno ideale e privilegiato di riconoscimento, di coesione e unità della comunità cittadina. Un ringraziamento a tutti gli enti e le associazioni che hanno collaborato con l’Amministrazione Comunale: avere concorso tutti insieme alla realizzazione di questo manifesto unico di iniziative», ha concluso il Sindaco «dà il senso, profondo, di una comunità che insieme collabora e lavora per rendere più accogliente e più viva la propria città».

In merito è intervenuto anche l’Assessore alla Cultura Fabio Franchi: “Il cartellone di iniziative che abbiamo realizzato sulle tradizioni della nostra Città è un ulteriore frutto del rapporto – ad oggi estremamente proficuo – di collaborazione che questa Amministrazione ha voluto mettere in atto con le associazioni del territorio; oltre a Pro Loco e Associazioni di categoria, che fanno parte del Tavolo di coordinamento sugli eventi che questa Amministrazione ha istituito, abbiamo voluto coinvolgere, per queste specifiche iniziative, anche l’Ente Basilica, per il suo contributo storico e tradizionale nell’organizzazione degli Uffizi e dei relativi cortei storici nel periodo carnevalesco, e la Società del Carnevale, associazione storica e prestigiosa della nostra Città, che ha garantito anni addietro fama e lustro nazionale a San Giovanni e al nostro Carnevale, e che in anni più recenti si sta contraddistinguendo per notevole attivismo, capacità di ideazione è indubbio apprezzamento da parte della popolazione.
Un unico programma, quindi, a cui hanno contribuito più attori, per valorizzare le tradizioni della nostra Città, tradizioni di una comunità intera, che si articolano in più manifestazioni e in più interventi, che contiamo la cittadinanza saprà apprezzare. Rientra in questa logica, in una valorizzazione delle tradizioni, delle loro origini e dei loro sviluppi, il focus specifico sulle tradizioni alimentari e lo stufato alla sangiovannese che proponiamo con la conferenza di domenica 19 gennaio, giornata di apertura di queste manifestazioni con la presenza della Via delle spezie e dello stufato. La dottoressa Antonella Campanini, storica dell’alimentazione, parlerà infatti della cucina medievale, alle cui tradizioni si fa risalire la nascita dello stufato alla sangiovannese. Un modo quindi per valorizzare le nostre tradizioni, nelle loro origini e nella loro attualità. L’avvio, anche, di un nuovo percorso che stiamo intraprendendo per una valorizzazione e promozione dello stufato alla sangiovannese, in modo forte e convinto, anche fuori dei confini della nostra città, e che sarà arricchito nei prossimi mesi di ulteriori e specifiche iniziative, realizzate con i “depositari” della tradizione, con le associazioni legate alla promozione del territorio, con le associazioni culturali coinvolge e con le associazioni di categoria. ”

 

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

 

Ma cosa sono gli Uffizi di Carnevale? Quest’antica tradizione sangiovannese è festeggiata nelle cinque domeniche precedenti il martedì grasso ed ha un’accezione religiosa; il suo significato, infatti, è quello di celebrare l’uffizio dei defunti, con offerte all’oratorio di Santa Maria delle Grazie, per le celebrazioni in suffragio dei defunti. Durante questo periodo le compagnie di suffragio si recavano all’oratorio per ricordare i propri cari, così questo contesto, oltre ad essere un’occasione d’incontro, assunse anche il valore di festa.
Ancora oggi gli uffizi si svolgono nei locali della Basilica (i Saloni), con ricchi pranzi a base di ricette locali e del tipico Stufato alla Sangiovannese, preceduti dalla sfilata del carroccio con paggetti in costume, in ricordo della processione con cui venivano consegnate le offerte.

Ecco il calendario di quest’anno:
26 GENNAIO: UFFIZIO DI S. ANTONIO;

02 FEBBRAIO: UFFIZIO DI S. LUCIA;

09 FEBBRAIO: UFFIZIO DELL’INDUSTRIA;

16 FEBBRAIO: UFFIZIO DEL VICARIATO;

23 FEBBRAIO: UFFIZIO DELLE DONNE.
Per prenotare il pranzo degli Uffizi è necessario rivolgersi direttamente ai Camarlenghi o alla Parrocchia di San Lorenzo e San Giovanni Battista.

Il Carnevale a San Giovanni Valdarno non finisce qui…
Domenica 16, Domenica 23 e Martedì 28 Febbraio, nel pomeriggio, torneranno i corsi mascherati, organizzati dalla Società del Carnevale Sangiovannese, con carri, maschere e tanto divertimento per grandi e piccini!

share

Redazione